Emozioni in Gioco: Genitori e Figli

Come sono nato?

E’ una domanda fondamentale da fare e da farsi per comprendere come mi pongo nelle relazioni interpersonali, soprattutto come figlio o come genitore.

Siamo a conoscenza che già nella pancia della mamma l’embrione e poi il feto ascoltano, sentono, si sintonizzano con le emozioni e con i suoni che avvertono, ma che un bambino nasca con la sua valigetta piena d’informazioni per una missione specifica nel mondo?

C’è chi parla di destino, chi di Karma, chi di missione.

Ma questo che cosa c’entra con la relazione affettiva più o meno positiva con i genitori?

Il momento della gestazione e la modalità della nascita sono una chiave di lettura della nostra vita, gettano le fondamenta con la relazione genitoriale e quindi interpersonale. Il nostro ingresso nel mondo e già di per sè è simbolico, quindi non dovrebbe sorprendere il fatto che sia anche significativo, e forse lo sai già.

E allora? A cosa serve saperlo?

Conoscere è cambiare. Conoscere, comprendere e attivarsi in un lavoro su se stessi è trasformare. Noi tutti abbiamo questo potere o possibilità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...